Plum cake allo yogurt

Quest’oggi vi facciamo riaccendere il forno… Non vogliateci male, ma fidatevi che non ve ne pentirete!
Allora? Siete pronti? Carta e penna alla mano: oggi facciamo un buon plum cake allo yogurt!

Ingredienti plum cake

  • 250 g di farina
  • 200 g di zucchero
  • 3 uova
  • 2 vasetti di yogurt intero naturale Vigaxio
  • 100 g di olio di semi (quello che prendete normalmente, evitate il mix di semi)
  • 25 g di burro Vigaxio
  • 30 mL di latte Vigaxio (2/3 cucchiai)
  • una bustina di lievito per dolci
  • la buccia di un limone grattuggiato
  • una bustina di vanillina

Procedimento

Montate le uova con lo zuccchero (circa 5 minuti, fino ad avere una crema morbida e spumosa).preparazione plum cake
Fate ammorbidire il burro Vigaxio e aggiungetelo, mescolate. Di seguito, aggiungete i due vasetti di yogurt naturale Vigaxio, il latte Vigaxio e la buccia di limone.
Armatevi quindi di setaccio e unite la farina, poi aggiungete il sale, il lievito e la vanillina nell’impasto. Mescolate il tutto fino ad ottenere un impsto “liscio”, senza grumi. Aggiungete l’olio a filo continuando a mescolate, poi continuate per qualche minuto, in modo da rendere l’impasto più omogeneo.

Mettete il tutto in degli stampi a Plum cake nello stampo, cotti e pronti da mangiarevostra scelta, che siano di varie formine o anche in una semplice teglia per dolci, quindi mettete in forno preriscaldato a 180 gradi per 50/55 minuti.
Una volta cotto lasciate raffreddare e conservate (per non troppo tempo) in un sacchetto di tela per mantenere la morbidezza del plum cake!

E come accompagnamento?

Come sempre, in tavola, con un buon dolce, non può mancare un buon vino! Per cui, anche Il recioto accompagna perfettamente i plum cake!oggi, facciamo un bel giretto in Valpolicella, e scopriamo che per l’ennesima volta il vino adatto è un buon Recioto.
Cos’ha di speciale questo vino?
L’appassimento e il sentore di amarena lo rendono un vino ideale per i dolci, compresi i più secchi come i biscotti! Cosa aspettate?
Correte a comprarlo in cantina!

 

Vuoi leggere la ricetta precedente? Clicca qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *